“Serve un presidente che si occupi di sicurezza stradale”

Da lungo tempo le Associazioni e i Movimenti Cicloambientalisti  stimolano la Federazione sportiva del ciclismo a unirsi in una comune e più efficace ricerca della sicurezza sulle strade italiane. Affinché ciò avvenga è necessaria una nuova convergenza sulla visione della sicurezza stradale, sulle cause degli incidenti e sulla pericolosità diretta ed indiretta delle varie categorie di veicoli rivalutando l’approccio alla sicurezza attiva e passiva, in considerazione del fatto che massa e velocità dei veicoli a motore rappresentano la principale fonte di pericolo, in particolare per gli utenti fragili

Questo il documento firmato da noi di Bike4city insieme ad altre 25 tra associazioni, comitati e tre consulte cittadine comunali (Bologna, Roma, Torino), inviato all’assemblea della Federciclismo che domenica prossima dovrà eleggere il nuovo gruppo dirigente per i prossimi quattro anni.

Fai clic per accedere a Da-lungo-tempo-le-Associazioni-e-i-Movimenti-Cicloambientalisti-stimolano-la-Federazione-sportiva-del-ciclismo-a-unirsi-in-una-comune-e-piu-efficace-ricerca-della-sicurezza-sulle-strade-italiane-.pdf

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: